giovedì 15 febbraio 2018

Limbo

Ti alzi alle 9:30 del mattino, senza sveglia, senza programmi, fai colazione, ritorni in camera ignorando tutti e ti rimetti a letto, guardando video su youtube fino all'ora di pranzo, scendi, ti fai una pasta al volo, torni a letto.  Alle 14:00 torna tua madre dal lavoro, trova il casino in cucina dal pranzo che ti sei preparato e soprattutto ti trova a letto incollato al cellulare, ti rimprovera per la pseudo-vita che stai vivendo, lo sai che ha ragione, quindi, con la vergogna nel cuore, ti vesti ed esci.    Consumi tutta la benzina della macchina girando a vuoto per le strade di campagna e pensi che avresti preferito restare a letto, che odi la tua famiglia, ti senti un adolescente incompreso pur avendo ventisei anni, vuoi spegnere il cervello, per sempre, così accendi la radio metti un cd e canti a squarciagola, credendo così di cancellare i pensieri.  Dovresti cercare lavoro e non lo fai, dovresti prenderti la macchina con quel poco che hai guadagnato ma nemmeno la cerchi, dovresti mangiare meno schifezze ma tanto chi li vede i chili in più se non esci mai, dovresti cercare te stesso ma chi ne ha voglia! 
Chi non ha mi vissuto questa situazione, perché io puntualmente ci ricasco, ogni volta che perdo un lavoro o che scade un contratto, ogni volta che qualcosa va male, ogni volta che la mia famiglia mi delude, ogni volta che deludo me stessa, ogni maledetta volta succede questo e quando me ne accorgo purtroppo tutto ciò è già in atto... 

lunedì 8 febbraio 2016

Qualcosa di più...


E... se ci fosse qualcosa di più, là fuori... oltre al tetro grigiore del mondo, qualcosa di magico e immortale, qualcosa di visibile solo per quelli che possono sognare e continuano a sognare l'incredibile e l'impossibile.  Una luce, simile ad una stella, nell'immensità dell'universo e dell'immaginario umano, una casetta nel bosco dove bambini vestiti di sogni e coraggio affrontano a suon di sorrisi e gioie l'eternità,  bambini fatti di luce... E se ci fosse molto di più là fuori... e noi ce lo stessimo perdendo, perché siamo ciechi, e stupidi, sicuramente è così... non c'è altra spiegazione, non c'è altro motivo... è come trovare una farfalla nella cenere... dove credi non possa esserci nulla di vivo e meraviglioso, eccola che spicca ai tuoi occhi e con movenze fantastiche degne di una dea o di una fata... vedendola, ti accorgi che non è tutto perduto... e che dopo il fuoco ci sarà comunque la vita e sarà più bella che mai... sarà meravigliosa e incredibile... e piena di magia. 


mercoledì 2 dicembre 2015

Inverno


E così l'inverno avanza.... e col manto di un eterno crepuscolo ricopre il mondo. Ogni uomo procede nel cammino dettato dalla sua frenetica vita, mentre tutto il resto è immobile, col  respiro dormiente, in letargo, attende, il sopraggiungere dei venti del sud, i quali restituiranno nuova vita al paesaggio morente. 


lunedì 26 ottobre 2015

Halloween...


Halloween si avvicina..... non ho mai capito questa moda di copiare le feste altrui, di certo non è qualcosa che ci appartiene, anche se alcune sagre e ricorrenze che festeggiamo, sono simili. Tuttavia, potrebbe essere uno spunto da cui partire per analizzare le dinamiche che possono scatenare in noi una paura irrefrenabile e a volte insensata(aracnofobia), e molto spesso ancestrale( paura del buio). Ciò che temo di più sono di certo le situazioni che ho descritto prima, trovarmi di fronte ad un piccolo e insensato ragno mi mette addosso un'ansia terribile, nessuno potrebbe distogliere la mia attenzione da tale orrore, nessuno riuscirebbe a farmi ragionare dicendomi che in realtà è il piccolo ragno a dover avere paura di me, odio il modo schizofrenico in cui l'aracnoide si muove, persino al solo pensiero di quelle fredde zampette tamburellanti che si muovono ritmicamente, scattanti mi riempie di terrore folle.
Il buio non mi terrorizza di per sé, non è l'idea di una stanza immersa nella notte a spaventarmi, bensì, a ciò che può nascondersi nelle tenebre, mani fredde e incorporee, volti oscuri e inquietanti, ruggiti immersi nell'oscurità, ticchettii di orologi inesistenti, per un certo periodo ho creduto di sentire accanto a mio letto un respiro glaciale assieme ad un orrendo ruggito, tutto era accompagnato da incubi spaventosi in cui sognavo di essere assalita nel mio letto da un terribile ed enorme cane nero...  Affascinante quanto la mente riesca a trascinarci in un enorme vortice di paura folle,  pieno di cose e situazioni che comunque non possono ferirci, ma possono metterci di fronte alle sfide che dobbiamo affrontare nella realtà.
Detto questo, vi auguro comunque buon Halloween(a chiunque lo festeggerà), ho intenzione di informarmi maggiormente su questo argomento e se avrò novità al riguardo lo vedrete presto.

Benvenuti!

In questo blog, scoprirete le passioni ed i sogni di una giovane donna, che ha appena iniziato il ungo viaggio verso la scoperta del mondo. Avrete la possibilità (se ciò è di vostro interesse), di osservare il mondo, nel modo in cui io lo osservo: cioè, partendo dai particolari, dalle piccole cose che rendono uniche un'azione, una persona o una situazione. Comprenderete il mio approccio con ciò che mi circonda, e con gli altri. Assisterete alla ricerca del mio IO interiore, crescerete assieme a me.  Spero infine, di non sembrarvi presuntuosa, in questo Blog cercherò di condividere tutto ciò che mi rende felice o che mi inquieta o mi emoziona, perciò ne approfitto per ringraziare chiunque faccia un salto in questo blog, Grazie.